Capitolo 65 – The Nolans / Sexy Music

Le Nolans sono state fondate più di 40 anni fa da cinque sorelle: Bernie, Maureen, Coleen, Linda e Anne. Si sono incontrate per la prima volta durante uno spettacolo di cabaret e hanno iniziato a lavorare insieme. Le loro canzoni avevano un mix di stili e influenze, tra cui la musica pop, la musica tradizionale irlandese, il jazz e altri stili musicali. Si sono esibite in tutto il mondo, tra cui nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Giappone, in Australia e in molte altre nazioni. Le Nolans hanno iniziato a farsi notare quando hanno firmato un contratto con la casa discografica Phonogram Records nel 1979. Il loro primo successo è stato “I’m In the Mood for Dancing”, che è stato un grande successo anche fuori dal Regno Unito. Il loro successo è continuato con altre canzoni come “Gotta Pull Myself Together”, “Chemistry” e “Don’t Make Waves”. Le Nolans hanno conquistato una grande popolarità grazie al loro stile unico e alle loro doti canore. Le loro esibizioni sono state straordinarie, con una combinazione di energia e divertimento. Hanno anche fatto molta strada nella scene musicali di tutto il mondo. Il loro album “Making Waves” è stato un grande successo internazionale e ha contribuito a renderle una delle più popolari band musicali del mondo.

Buon ascolto da Musica Laterale!

Capitolo 64 – Pierangelo Bertoli / Figlio Di Un Cane

Pierangelo Bertoli è stato un cantautore attivo dal 1974. Dotato di una sensibilità particolare, anche data dal suo handicap (a causa di una poliomielite era bloccato su una sedia a rotelle), il suo stile abbraccia pop, rock e canzone d’autore; i testi sottolineano l’impegno politico di Pierangelo ed è famosa la sua battaglia contro le barriere architettoniche per i diversamente abili. Di lui ricordiamo volentieri il bellissimo brano Eppure Soffia del 1976, un inno ecologista ancora attuale e Spunta La Luna Dal Monte del 1991, con il quale partecipò a Sanremo con il gruppo sardo Tazenda ed ottenne la meritata rilevanza nazionale. Oggi parliamo di un brano scritto da un allora sconosciuto Luciano Ligabue, scoperto proprio da Bertoli che prima incise nel 1988 Sogni Di Rock’N’Roll per l’album Tra Me E Me e l’anno successivo Figlio Di Un Cane tratto da Sedia Elettrica, il Brano Laterale di oggi, successivamente ricantato dal rocker emiliano per il suo omonimo album d’esordio del 1990. Se il brano di Ligabue è leggermente più veloce e più grezzo quasi fosse un provino, la versione proposta da Bertoli è più ricca e meglio arrangiata; la sua voce pulita inoltre trasforma il brano dotandolo di un eleganza unica, come solo i grandi autori riescono a conferire.

Buon ascolto da Musica Laterale!

Capitolo 63 – Pooh / Rotolando Respirando

Oggi è il turno dei Pooh, il gruppo italiano più longevo capace di raccontare una favola lunga cinquant’anni.

Attivi addirittura dal 1962, la formazione stabile dopo cambi di nome e di componenti è datata 1968. Oltre a Roby Facchinetti, in quell’anno entra nel gruppo il chitarrista Dodi Battaglia; nel 1971 arriva alla batteria Stefano D’ Orazio al posto di Valerio Negrini che resterà alla regia come autore di testi fino alla sua scomparsa nel 2013 e, in seguito all’abbandono di Riccardo Fogli, nel 1973 entra in pianta stabile il bassista Red Canzian.

I Pooh con il loro pop delicato sono sopravvissuti alle generazioni e le loro canzoni ormai fanno parte del nostro patrimonio genetico; hanno chiuso il sipario nel 2016 a seguito di un trionfale tour nel quale anche il ribelle Riccardo Fogli, unitosi di nuovo al gruppo dopo più di quarant’anni, partecipa a questa festa che possiamo godere con un bellissimo live pubblicato nel 2018, L’ Ultimo Abbraccio, contenente CD e DVD della straordinaria performance. La canzone Laterale che trattiamo oggi è Rotolando Respirando, suggerito gentilmente dall’amico F. che è rimasto colpito dalla complessità del brano: strutturalmente perfetto, ricco e suntuoso, quasi un’opera rock a sé stante; i Pooh non sono solo musica leggera e questa è l’ennesima dimostrazione del loro professionismo e della loro cura nel creare qualcosa di straordinario, che è difficile ancora oggi sentire nella produzione musicale nostrana. Il riff di chitarra è potente ed ipnotico, che ti entra dritto nel cervello, e fa da contrasto alla delicata sezione dei cori, il tutto impreziosito da un arrangiamento allo stesso tempo delicato e forte e possiamo sentire l’ispirazione della prog inglese, Genesis in primis. Il brano è pubblicato nel 1977 con l’album omonimo ma non tutti sanno che il brano Laterale trattato oggi è stato cantato già qualche tempo prima con testo e musica diversi ma sempre con lo stesso, splendido riff. Altra nota, Rotolando Respirando è stato riproposto nel 1979 in lingua inglese per il mercato internazionale dall’album Hurricane con il testo adattato per il vano tentativo di conquistare le terre d’Albione. Come al solito il mercato internazionale è spietato e i risultato fu deludente ma il lavoro ebbe un discreto successo solo nei territori germanofoni e, inspiegabilmente, in Giappone (!)

Buon ascolto da Musica Laterale!

Capitolo 62 – Smashing Pumpkins – Hooray!

Gli Smashing Pumpkins sono un gruppo statunitense capitanato dal padre-padrone Billy Corgan, autore di quasi tutti i brani; attivi dai primi anni ’90,  il loro particolare rock alternativo è un riuscito mix di gothic, dream pop ed elementi di rock psichedelico che raggiunse un successo mondiale grazie a Mellon Collie And The Infinite Sadness, un doppio album semplicemente perfetto con brani entrati nella storia della musica. La formazione nel corso degli anni è cambiata più volte con una pausa dal 2000 al 2005 nella quale Corgan provò dapprima a creare un nuovo gruppo, gli Zwan, insieme al batterista Jimmy Chamberlin anche lui ex Pumpkins ed in seguito ad esordire con scarsi risultati come solista. L’album del ritorno, Zeitgeist è datato 2006 e nonostante le mie aspettative fossero sotto lo zero mi sorprese per Tarantula, un potente brano rock, e Bring The Light. L’album purtroppo non è presente sulle piattaforme di streaming e ci dobbiamo accontentare dei video caricati da Youtube.

Dopo altri album a dire il vero piatti e senza grandi idee a fine 2022 il gruppo prova a tornare alla ribalta con quello che secondo l’idea del prolifico Corgan è il seguito di Mellon Collie: la prima parte di ATUM, monumentale lavoro diviso in 3 atti da 11 brani, è semplicemente bruttino e senza sussulti di sorta. Le zucche sono state massacrate da buona parte di critica e pubblico per questo lavoro che non è né carne né pesce, quasi senza direzione. C’è però un brano che spicca per essere senza senso, un divertissement che suona come un videogioco anni ’80, Hooray!, che entra di diritto nella nostra playlist. Il brano Laterale più recente del blog, datato 2022, è talmente fuori luogo, brutto ed assurdo da aver fatto il giro ed arrivare quasi (quasi eh!) a piacermi.

Buon ascolto da Musica Laterale!

Capitolo 61 – Alessio Caraturo / Goldrake

Oggi torniamo a parlare di brani tratti da cartoni animati. Alessio Caraturo è un cantautore napoletano che ha avuto poco riscontro e ha ottenuto un poco di notorietà soprattutto per la cover acustica di Goldrake, il famoso cartone animato giapponese degli anni ’70 la cui splendida colonna sonora è stata curata degli Actarus, gruppo creato appositamente per le sigle di cartoni animati nel quale si celano musicisti di grande spessore, come già raccontato nel capitolo 44 del blog: in questo brano troviamo infatti Vince Tempera come coautore del brano e Ares Tavolazzi, bassista degli Area. La cover trasforma l’irresistibile brano da disco anni ’70 in una una delicata ed intima ballata voce e chitarra.

Buon ascolto da Musica Laterale!