Capitolo 67 – The Doors / Paris Blues

I Doors sono stati un gruppo statunitense di rock psichedelico attivo dal 1965 al 1973 legati al loro carismatico leader Jim Morrison che nel corso degli anni è diventato leggenda, grazie alle sue provocatorie performances dal vivo, dall’innata capacità di intrattenere e dalla sua morte ancora oggi oggetto di misteri e discussioni, arricchendo la lista del “club 27”, ovvero artisti prematuramente scomparsi durante appunto il ventisettesimo anno di vita. Il nome del gruppo è stato ispirato al racconto Le Porte Della Percezione di Aldous Huxley che tratta delle sue esperienze con i peyote, funghi contenenti mescalina, una potente droga allucinogena. La musica dei Doors, un sapiente mix di jazz, blues e rock psichedelico è ipnotica e quasi dall’aurea magica grazie alle poesie di Morrison musicate dal compositore e chitarrista Robby Krieger, dal tastierista Ray Manzarek e dal batterista John Densmore. Per entrare nella leggenda sono bastati sei album prodotti fra il 1967 e il 1971, omettendo di proposito i due lavori prodotti senza Morrison a seguito del suo decesso, criticati dalla maggior parte dei fans. Gli amici di Orrore A 33 Giri hanno recensito questi lavori come al solito con occhio critico e dannatamente preciso. Seguirono varie “reunion” nel corso degli anni e una vagonata di lavori postumi, fra cui spicca An American Prayer del 1978 nel quale i tre superstiti musicano poesie recitate dalla voce di Jim. Un mezzo album insomma, che riscosse comunque un discreto successo.

Il brano Laterale di oggi non è presente nelle 23 (!) raccolte uscite negli ultimi cinquant’anni ma è un inedito uscito l’anno scorso chiamato Paris Blues. Se il brano onestamente non è granché per lo standard del gruppo essendo stato scartato dall’album L.A. Woman del 1971, la sua storia ha dell’incredibile: in tanti sapevano dell’esistenza del brano, fan compresi, e il master originale purtroppo è andato perso. L’ unica registrazione sopravvissuta è una cassetta consegnata a Ray Manzarek (per il dovere di cronaca venuto a mancare nel 2013) finita nelle grinfie del figlio Pablo che usò la cassetta per registrarci sopra. Il brano così risulta interrotto da versi di un bambino di 5 o 6 anni che voleva divertirsi con il registratore di papà. Complici le tecnologie moderne e l’ennesimo raschiamento del fondo del barile il 14 settembre 2002 esce finalmente questo brano in un vinile a tiratura limitata e sulle piattaforme streaming.

Buon ascolto da Musica Laterale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *